CERCA TRA LE BAND
WORLD
3SUONA DAL VIVO!
2CONFERMA LA DATA DEL TUO CONCERTO
1ISCRIVITI AL FESTIVAL
RECENSIONI
Home  >  Concerti  >  Concerti nel mondo  >  Recensioni
PROSSIMI CONCERTI
Nazione

Città

PROSSIME BAND SUL PALCO
Iscritti ieri alle 09:28

INSOMNIA

Pop Rock
Italia
Iscritti il 15 settembre 2020 alle 16:16

SIN

Other...
Italia
Iscritti il 14 settembre 2020 alle 23:10

Fisarmonica sola

World Music
Italia
Prossime nel mondo
Iscritti 9 ore fa

Ceryse

Indie Pop
Francia
Iscritti 13 ore fa

Dr Bang

Rock Fusion
Francia
RECENSIONI

Recensione 8 eliminatoria Emergenza Festival Milano

joe karone & GPC Band, Try To Be, Dust'N Flames, Murder Void, Boby e i succhi gastrici



Eccoci giunti all'ottava domenica di Emergenza Festival allo Speakeasy di Rozzano, 5 band in gara che si contendono un posto in semifinale, garantito a 2 di loro e un'esibizione in un'altra città italiana in cui si svolge il festival.

joe karone & GPC Band

Stanchi della solita Domenica annoiata e monotona? Tranquilli: qui allo SpeakEasy ci sono i Joe KarOne e la GPC band a svoltarvi la giornata! Brani strumentali originali di notabile fattura rock filo-americana che sotto la guida dallo stesso Joe portano la mente in territori onirici, sempre sottolineati da immagini video proiettate in simultanea. La formazione è classica come lo stile a cui attingono gli stessi membri della band, non proprio di primo pelo come si suol dire: ci sono eco di Floydiana memoria alternati a generi più "distorti" e contemporanei che ricordano Satriani (che sia solo un caso il nome in comune?) e Stef Burns, sempre guardati come un traguardo più che un modello. Per quanto riguarda la presenza scenica la scelta è stata sicuramente quella di apparire per quello che sono, probabilmente per non distogliere l'attenzione dalla multimedialità data dai video e dalle sensazioni evocate dai singoli brani. E il pubblico sembra reggere bene il gioco restituendo ai ragazzi sul palco un grande affetto e calore. 


Try To Be

La tensione non cala neanche un po' grazie all'entrata in scena dei Try To Be, gruppo della provincia di Verbania che non scende a compromessi sonori regalando istantaneamente una scarica di riff Nu Metal e MetalCore, pescando dai Lost Prophets come dagli Atreyu, precisissimi e devastanti. La scaletta dei brani scelti, tutti originali, lascia davvero poco spazio al relax riuscendo a mantenere sempre viva l'attenzione. Si sentono davvero a loro agio anche sul palco facendo trasparire un notevole affiatamento di gruppo, sottolineato visivamente anche dalla loro tenuta quasi total black, lasciando in definitiva al cantante/frontman il compito di attirare il pubblico. E pare ci riesca egregiamente.


Dust'n'Flames

Ci fanno attendere qualche minuto in più ma appena attaccano i Dust'n'Flames sembra di fare un tuffo nel passato: gli anni '80 e l'hard rock sono il loro baluardo e non hanno paura a sbandierarlo, nonostante la loro giovane età. Voce ruvida e carica di verve, riff essenziali e ritmiche senza fronzoli caratterizzano fortemente tutta la loro scaletta, eccezion fatta per un paio di momenti sdolcinati alla Bon Jovi. Lo spettacolo proposto dalla band risulta in fin dei conti moderatamente d'impatto a causa dell'atteggiamento non molto comunicativo della band, aspetto sicuramente migliorabile data la loro acerba età e poca esperienza di live.


Murder Void

In pochi secondi i Murder Void fanno sembrare acqua di rose qualsiasi gruppo passato sul palco in precedenza. Il loro sound è a dir poco estremo, tagliente come una lama, pesante come un macigno. Sono giovanissimi ma dimostrano una grande maturità sia in fatto musicale che di affiatamento sul palco e con il pubblico. Il genere, il Metal Core è come si suol dire "per pochi" ma nonostante questo anche i meno avvezzi rimangono incollati alla scena, forse grazie all'ipnoticità dei loro riff associati al growl profondo del cantante. 


Boby e i succhi gastrici

A disimpegnare un po' l'atmosfera ci pensano Boby e i "suoi" succhi gastrici. Band di rock demenziale direttamente dalla provincia di Vercelli, fin dalle presentazioni durante il cambio palco si accaparrano le simpatie di tutto il pubblico grazie alla eloquente favella del frontman/cantante e alla loro eccentrica mise. Suonano brani tutti originali a sfondo prettamente sessuale ma assai meno volgari di band di genere similare. Si denota subito un buon affiatamento strumentale con alcuni momenti di funambolismo che sottolineano i testi in maniera efficace. A pensarci bene ascoltandoli attentamente ci tornano alla mente alcuni modi di interpretare di generi più vicini al folk e alla tradizione dialettale (pur non cantando in dialetto) invece che band alla Elio e le storie tese o Gem Boy.

Momento del verdetto, passano il turno joe karone & GPC Band con 74 voti aggiudicandosi anche lo showcase in un'altra città italiana in cui si svolge il festival. Rivedremo anche sul palco del Tunnel di Milano i Dust'n'flames che passano il turno con 53 voti. Per il ripescaggio incroceranno le dita Muder Void e Boby e i succhi gastrici con 33 voti e Try to Be con 28.

Splendida serata, grazie alle band, al pubblico presente in sala, allo Speakeasy , al disponibilissimo staff tecnico Luca e Riccardo, Ufip per i piatti e a Marshall per gli amplificatori.