CERCA TRA LE BAND
WORLD
3SUONA DAL VIVO!
2CONFERMA LA DATA DEL TUO CONCERTO
1ISCRIVITI AL FESTIVAL
RECENSIONI
Home  >  Concerti  >  Concerti nel mondo  >  Recensioni
PROSSIMI CONCERTI
Nazione

Città

PROSSIME BAND SUL PALCO
Iscritti il 17 settembre 2020 alle 09:28

INSOMNIA

Pop Rock
Italia
Iscritti il 15 settembre 2020 alle 16:16

SIN

Other...
Italia
Iscritti il 14 settembre 2020 alle 23:10

Fisarmonica sola

World Music
Italia
Prossime nel mondo
Iscritti 12 ore fa

MTM Blues

Other...
Polonia
Iscritti 12 ore fa
RECENSIONI

Fenomeni musicali recenti

Analisi del recente movimento musicale più in voga tra i giovani: l'indie rock



In questa recensione, la prima vera recensione del nuovo anno, vorrei parlare di un ormai diffusissimo fenomeno musicale che ha interessato praticamente tutto il globo: sto parlando dell'indie rock.
L'indie rock nasce, come suggerisce il nome, come musica "indipendente", cioè non costretta da nessuna etichetta discografica e di conseguenza, se vogliamo, libera ed incensurata espressione artistica.
Essendo anche io molto giovane, ho notato che considerevole parte dei miei coetanei è incredibilmente attratta da questa "nuova" corrente musicale.
Soprattutto negli ultimi anni abbiamo visto gruppi come The Strokes, Arctic Monkeys, emergere in maniera incredibile e trasformarsi da gruppetto disagiato del paesino del cazzo a rock band che incassa milioni di dollari.
La situazione è abbastanza controversa: a queste orde di ragazzini impazziti per Alex Turner e compagni (tanto per fare un esempio), si oppongono i classici sapientoni; questa razza è tra le più brutte, poiché è costituita dalle classiche persone che conoscendo due pezzi dei Led Zeppelin e ben quattro degli AC/DC si considerano nettamente superiori e sono fermamente convinti del fatto che i gruppi indie siano spazzatura.
Ovviamente questo tipo di persone sono gentilmente pregate di tacere.
Personalmente ritengo molto valido il movimento indie in sé e gruppi come i sopracitati. Pur essendo l'indie un genere caratterizzato da una generale semplicità esecutiva e spesso e volentieri povero di contenuti di "alto livello" è esso stesso un interessante "attacco" ad impatto mediatico e sociale. In un'epoca dove regna la dubstep ( o almeno ciò che spacciano per dubstep), riscontrare una ripresa di massa di partecipazione (soprattutto dei giovanissimi) ai concerti è un dato considerevole e davvero interessante.
Stimo moltissimo e apprezzo coloro che cercano di emergere e creare un proprio stile, a costo di andare contro tutto ciò che la società gli propone. Libertà espressiva per tutti!
Fanculo i sapientoni.

Falangher.