CERCA TRA LE BAND
WORLD
3SUONA DAL VIVO!
2CONFERMA LA DATA DEL TUO CONCERTO
1ISCRIVITI AL FESTIVAL
RECENSIONI
Home  >  Concerti  >  Concerti nel mondo  >  Recensioni
PROSSIMI CONCERTI
Nazione

Città

PROSSIME BAND SUL PALCO
Iscritti ieri alle 09:28

INSOMNIA

Pop Rock
Italia
Iscritti il 15 settembre 2020 alle 16:16

SIN

Other...
Italia
Iscritti il 14 settembre 2020 alle 23:10

Fisarmonica sola

World Music
Italia
Prossime nel mondo
Iscritti 9 ore fa

Ceryse

Indie Pop
Francia
Iscritti 13 ore fa

Dr Bang

Rock Fusion
Francia
RECENSIONI

I Radiohead, dopo 4 anni tornano in Italia

Lo staff di Emergenza a Bologna, per raccontarvi di uno dei concerti live più importanti dell'anno: i Radiohead



Ci sono dei concerti che non dimentichi facilmente. Dei concerti che regalano delle scariche di energie così forti da rimanere addosso per parecchio tempo. E noi di Emergenza non potevamo perderci questo evento per nessun motivo.

I Radiohead, martedì 25 Settembre all'Arena Parco Nord di Bologna. Un concerto molto atteso, già rimandato prima per il grave terremoto che ha colpito l'Emilia Romagna, e poi per la tragica morte Scott Jonhson, stretto collaboratore della band, a causa del crollo del palco durante la fase di montaggio a Toronto.

Ma finalmente il giorno è arrivato. Entriamo all'Arena Parco Nord, un pò in ritardo, giusto in tempo per vedere il gruppo di apertura, i Caribou, dal Canada. L'Arena è gremita di gente (circa 25mila persone) di tutte le età. Il palco è semplicemente spettacolare. Luci, schermi che poi si fisseranno su dettagli come il viso del leader Thom York, le mani del batterista o la chitarra.

Puntualissimi alle 9.30 si spengono le luci, e salgono sul palco. I Radiohead aprono con “Lotus Flower”, singolo di punta dell'album “King of Limbs”. E da quel momento è un crescendo di intensità, emozione, energia, difficile da descrivere. Thom York con la sua voce e il suo modo di muoversi sul palco, incanta. Così come la band, impeccabile.

Passano da brani del nuovo album a classici del passato come “There, there”,. “Kid A”, “Idioteque” ed ancora verso la chiusura “Airbag” e “Paranoid Android”. York ogni tanto si rivolge al pubblico con qualche parola in italiano, e il pubblico risponde in delirio.


Difficile tornare a casa, sono quei concerti che vorresti non finissero mai. Non ci resta che aspettare che tornino in Italia.