CERCA TRA LE BAND
WORLD
3SUONA DAL VIVO!
2CONFERMA LA DATA DEL TUO CONCERTO
1ISCRIVITI AL FESTIVAL
RECENSIONI
Home  >  Concerti  >  Concerti nel mondo  >  Recensioni
PROSSIMI CONCERTI
Nazione

Città

PROSSIME BAND SUL PALCO
Iscritti 17 ore fa

Alis Mata

Cantautorale
Italia
Iscritti ieri alle 11:51

Ras Nir

Death Metal
Italia
Iscritti il 17 settembre 2020 alle 09:28

INSOMNIA

Pop Rock
Italia
Prossime nel mondo
Iscritti 13 ore fa

Owsay

Other...
Russia
Iscritti ieri alle 05:00

Радионервы

Alternative rock
Russia
RECENSIONI

Recensione 14 eliminatoria Emergenza Festival Milano

Sugarcandy montains, AQUSHA, The Slap, AML - At Mezzanine Level, The Backlash, Fire Crow



Sugarcandy montains

Dalla bergamasca salgono direttamente sul palco dello Speakeasy per le selezioni milanesi di Emergenza Festival i Sugarcandy montains. Sono allegri colorati e portano una ventata di primavera (come dicono loro) tra il pubblico. La formazione prevede 8 musicisti, comprensiva di sezione fiati, ma nessuno mai calpesta l'altro. Hanno dei pezzi scritti bene, tipici del loro genere ska rock. L'unico peccato è che sarebbe stato bello vedere il pubblico muoversi insieme a loro sotto il palco.

Aqusha

Con gli Aqusha cambiamo completamente genere e si entra in un territorio mistico, in alcuni casi dalle sfumature new wave, anche se lo stampo è alternative rock. Sono caratterizzati da una voce molto particolare, recita ogni parola che esce dalla bocca con estremo carisma, vero anche che ogni tanto si perde però la chiarezza del testo. Hanno una scaletta piuttosto varia e un pubblico molto caldo che li sostiene durante tutta la durata del loro live e ne fa sicuramente un prezioso valore aggiunto. 

The slap

Con la terza esibizione vediamo salire sul palco un duo acustico formato da una cantante/chitarrista e un chitarrista. Presentano un repertorio misto di brani originali e cover riarrangiate per l'occasione. L'inizio è un po' in sordina anche se si notano le potenzialità, e dopo il secondo brano infatti che si scaldano e mostrano davvero tutto quello che sanno fare. si scaldano dopo 2 brani e lei tira fuori davvero tutto quello che sa fare.

Aml

E' ora il turno dei milanesi Aml - At mezzanine level. portano sul palco brani propri che funzionano molto bene, scritti con cura e arrangiati senza tralasciare nessun particolare. Si vede subito l'unità della band, anche nel suono potente ed efficace. Il cantante è una vera prima donna, nel senso positivo del termine s'intende, un performer che non si ferma davanti a nulla, anzi scende dal palco per cantare in mezzo al pubblico. Degne di nota le linee di basso che danno un groove particolare a tutta il loro spettacolo. L'unico occhio di riguardo va dato all'immagine che se curata con maggiore attenzione dà sicuramente un effetto migliore su tutto il concerto.

The backlash

E' ora il turno di un'ottima band, ed anche in questo caso il bassista spicca per bravura. Il cantante ha un carattere molto particolare, porta sul palco le sfumature del grunge, sembra quasi svogliato, ma è solo la parte che recita ed è perfetta per il genere che fanno. In generale quello che esce è un sound compatto di una band che sa dove vuole andare

Fire crow

Chiude l'ultima eliminatoria di Emergenza Festival a Milano una band molto giovane, pecca di organizzazione, ma gli si perdona questa mancanza nel momento in cui iniziano a suonare. Sono tecnicamente molto preparati, portano un repertorio metal di cover con l'aggiunta di un brano proprio che si mescola perfettamente nella loro scaletta, il consiglio quindi è quello di continuare sul repertorio originale e continuare verso quella direzione.

I primi classificati, che si aggiudicano la semifinale e un altro concerto in una città italiana in cui si svolge il festival sono Aqusha con 64 voti. Sul palco del Tunnel di Milano rivedremo anche  The slap con 59 voti e a parimerito The backlash e Firecrow con 54 voti.

Incrociamo le dita per il ripescaggio di Aml con 37 voti e Sugarcandy montains con 22 voti.

Splendida serata, grazie alle band, al pubblico presente in sala, allo Speakeasy, al disponibilissimo staff tecnico Antonio e Luca, Ufip per i piatti e a Marshall per gli amplificatori.