CERCA TRA LE BAND
WORLD
3SUONA DAL VIVO!
2CONFERMA LA DATA DEL TUO CONCERTO
1ISCRIVITI AL FESTIVAL
RECENSIONI
Home  >  Concerti  >  Concerti nel mondo  >  Recensioni
PROSSIMI CONCERTI
Nazione

Città

PROSSIME BAND SUL PALCO
Iscritti 16 ore fa

Alis Mata

Cantautorale
Italia
Iscritti ieri alle 11:51

Ras Nir

Death Metal
Italia
Iscritti il 17 settembre 2020 alle 09:28

INSOMNIA

Pop Rock
Italia
Prossime nel mondo
Iscritti 12 ore fa

Owsay

Other...
Russia
Iscritti 24 ore fa

Радионервы

Alternative rock
Russia
RECENSIONI

Le recensioni della prima eliminatoria di Bologna @ Kindergarten.

The Last Fairy Tale, 100 Giorni, Venice Downtown, GeGeGiò, Reissod, Clear Spot



Bellissima la prima a Bologna, al Kindergarte le sei band che hanno suonato hanno realmente tutte lasciato una buona impressione.....sei band, sei generi diversi, tanto pubblico ad ascoltare la musica proposta dagli “emergenti” sotto il muro sonoro del nuovo impianto Martin V8 inaugurato apposta per la serata..........a voi le recensioni.

The Last Fairy Tale, mi dicono che li paragonano ai Muse....no way !!!

Non sono d'accordo per il semplice fatto che stiamo parlando di una band che suona, scrive canzoni, sta sul palco alla grande e con personalità da vendere!!!.......bene tutto, solidi, ottime le chitarre, bellissima la voce principale ottima “invincible” il brano di chiusura.......duri, melodici, moderni, talentuosi.....non penso nonostante tutto stiano dando ancora il 100%, ed è un auspicio:)......... non passano il turno ma aspettiamo i ripescaggi.

100 Giorni, una bellissima sorpresa, hanno idee, talento e voglia di affermarsi.....sono giovani e forse per questo il loro approccio alle canzoni è leggermente ingenuo, alternano strutture melodiche a “Rapping” di ottima fattura, se entrano nell' ottica di lavorare sui dettagli delle loro canzoni sono un band che si può giocare qualunque festival non solo emergenza, bravi, primi classificati e in semifinale. Dirompenti.

Come band vincitrice potranno divertirsi nello scegliere la data in un altra delle nostre sedi dove poter suonare come ospiti e continuare alla grande l' esperienza appena cominciata con Emergenza Festival.

Venice Downtown, un nome che è tutto un programma, sono un trio givanissimo ma hanno una padronanza dello strumento davvero invidiabile, hanno tecnica ma non sono “esosi”, suonano con anima, tecnica e una strana maturità considerata l' età, il loro prog è ibirido, psichedelico un po' moderno un po' vecchio stile, affascinante e convincente.

Il consiglio del tutto personale è quello di stare più attenti alle dinamiche delle canzoni, a volte troppa durezza, in particolare nel drumming, in fasi di cantato “morbido” modifica in negativo l' ottimo approccio al songwriting......evoluti ed “evolventi”, futuro!!!!

Semifinale.

GeGeGiò, un' altra splendida band, atipica in una serata dove prevalgono le chitarre elettriche nelle varie accezzioni.

Pianoforte, glockenspiel, percussioni, chitarre acustiche e tanta tanta melodia di ottima fattura e gusto, divertono e si divertono nel riarrangiare alcune cover con il loro particolatre set acustico, bravissima la cantante, carina, bella presenza e ottima voce. Sorpesa di serata.
Propongono musica in modo elegante e semplice allo stesso modo, grandissima dote....bene le cover ma avanti con la musica propria:).
Anche loro possono e devono crescere nei dettagli....sound in particolare!

In semifinale.

Reissod, cambio band, cambio genere, stesso risultato......la band ha un leader che è il cantante, Scream, Metal, HC sono le fonti ispiratrici dei ragazzi, un concerto di energia folle a tutta velocità, bravi tecnicamente, ottima la chitarra solista forse un po' più di precisione ritmica aiuterebbe visto il genere.....il cantante tiene il palco alla grande lo fa con personalità nonostante l' età giovanissima, convince ed emoziona.Energizzanti.

Semifinale.

Cold Spot, ultima band della serata, i più grandi come anagrafe, rock and roll melodico direi quasi New Pop in veste Old School, niente da dire, tutte le canzoni sono ben scritte e suonate, la voce è bella, intonata, femminile, di livello.

Le strutture melodiche tutte ben fatte, due chitarre e una ritmica di grande precisione e ottimo sound dei singoli.....forse migliorabile il sound nell' insieme!!!

La voce è Rock quanto basta ma non è una di quelle aggressive anzi........ non essendo una voce potente tende a volte ad essere “mangiata” dalle due chitarre a volte un pò dominanti, manca un po' di dinamica.

Bravi ed esperti.

Attendiamo i ripescaggi.

Grazie al Kindergarten ai 10.000 Watt V8 Martin, a UFIP per i piatti, Marshall per gli amplificatori, tutto lo splendido staff tecnico che come sempre si distingue per professionalità ed efficienza.

Spero di cuore che si siano divertiti tutti, pubblico e band!!

Frils