CERCA TRA LE BAND
WORLD
3SUONA DAL VIVO!
2CONFERMA LA DATA DEL TUO CONCERTO
1ISCRIVITI AL FESTIVAL
RECENSIONI
Home  >  Concerti  >  Concerti nel mondo  >  Recensioni
PROSSIMI CONCERTI
Nazione

Città

PROSSIME BAND SUL PALCO
Iscritti il 17 settembre 2020 alle 09:28

INSOMNIA

Pop Rock
Italia
Iscritti il 15 settembre 2020 alle 16:16

SIN

Other...
Italia
Iscritti il 14 settembre 2020 alle 23:10

Fisarmonica sola

World Music
Italia
Prossime nel mondo
Iscritti 13 ore fa

MTM Blues

Other...
Polonia
Iscritti 13 ore fa
RECENSIONI

Recensione cd: Freak Out!, Frank Zappa & Mothers Of Invention.

Una tra le migliori rock band di sempre riscrive la storia della musica.



Freak Out! è il primo album inciso da Frank Zappa e le sue “madri” nel 1964. Questo è probabilmente uno degli album più innovativi nella storia del rock anni 60’: precede infatti i gruppi più importanti di quel decennio. Oltretutto Freak Out! è il primo concept album della storia, ed anche il primo doppio LP, prima ancora di Sgt. Pepper Lonely Hearts.
L’album contiene il fantastico numero di 15 tracce, di cui una da 12 minuti. Le tracce del primo cd sono più rock, ma contengono fantastici testi satirici, prese in giro di luoghi comuni del rock ed utilizzano strumenti insoliti come il Kazoo e la Marimba, che mai erano stati introdotti in un contesto rock/blues. La seconda parte dell’album è molto confusionaria, ma allo stesso modo geniale. L’ultima traccia, The Return Of The Son Of Monster Magnet è una jam session incentrata sul suono casuale del pianoforte, su rumori mai sentiti, su finti orgasmi e sirene che risuonano per più di 10 minuti. Come quasi tutti i lavori di Zappa, l’album è stato aspramente criticato da tutti i giornali che ne parlarono, e non fu passato nemmeno un pezzo in radio. L’album vendette solo 3000 copie: tutti quelli che lo comprarono al tempo, sono diventati successivamente musicisti o critici di musica. Freak Out! non è di certo il miglior album del grande Frank, ma è senza dubbio una pietra miliare degli anni 60’,ed anche un album molto facile da ascoltare rispetto ai lavori zappiani che verranno dopo come “Lumpy Gravy” o “Sleep Dirt”
Canzone: Go On Cry On Somebody Else’s Shoulder (una pura presa in giro del tipico pezzo swing: il piano impazza nel giro di do, mentre coretti pachuco dicono “I Don’t Love You Anymore”)
Consiglio vivamente l’ascolto.

Falangher.
falangher@emergenza.net